Materiali didattici on line

Queste pagine ospitano saggi e ipertesti di storia contemporanea perlopiù basati su ricerche realizzate dall'Istituto, nonché lavori di didattica della storia del Novecento realizzati dall'Istituto. Altri saggi si trovano nella sezione "Editoria on line".


I protagonisti dei moti del 1821: biografie dei biellesi, vercellesi e valsesiani coinvolti nei moti del 1821, da Giorgio Marsengo - Giuseppe Parlato, Dizionario dei Piemontesi compromessi nei moti del 1821, edito dall'Istituto per la storia del Risorgimento-Comitato di Torino.



L'emigrazione dei valsesiani nell'Ottocento: immagini, documenti, grafici e tabelle, frutto di una ricerca condotta in collaborazione con la Società valsesiana di cultura, già esposti in una mostra omonima e pubblicati nel relativo catalogo.



Borgosesia 1914. Sciopero alla Manifattura Lane: un ipertesto composto da un saggio di Antonino Pirruccio, un intervento di Giuseppe Berta, bibliografia, cronologia e immagini.



"da vigilare e perquisire". I "sovversivi e gli antifascisti della provincia di Vercelli schedati nel Casellario politico centrale (1896-1945): ipertesto che propone documenti sulla repressione del dissenso già esposti in una mostra omonima e pubblicati nel relativo catalogo.



L'antifascismo in provincia di Vercelli: i gruppi antifascisti scoperti dalla polizia; memorie e biografie di antifascisti; saggi e gallerie di immagini.




La vera storia del "tradimento" di Eros Vecchi: nel saggio di Piero Ambrosio la ricostruzione dell'arresto dei membri del primo Centro interno del Partito comunista costituito dopo la "svolta" del 1930.



Antifascismo e guerra di Spagna: un ipertesto sugli antifascisti vercellesi, biellesi e valsesiani volontari in Spagna, con saggi, biografie e una cronologia essenziale.



Dal patto di Monaco alla Resistenza. Antologia di articoli di giornali locali 1938-1943: gli avvenimenti che portarono allo scoppio della seconda guerra mondiale, a partire dal cruciale mese di settembre 1938, e poi le stesse vicende belliche, unitamente ad alcuni aspetti della politica del regime fascista e ad alcuni episodi, così come furono trattati dai giornali vercellesi, biellesi e valsesiani dell'epoca.



Cronologia della provincia di Vercelli 1938-1942: vicende locali a partire dal settembre del 1938 fino all'agosto del 1942



Gli scioperi del marzo 1943 in provincia di Vercelli: dossier con saggi, articoli, testimonianze e materiali vari relativi allo sciopero che il 29 marzo di settant'anni fa in diversi stabilimenti della Valle Strona, operaie ed operai misero in atto, inaugurando una stagione di ribellione all'autorità fascista che sarebbe sfociata nei venti mesi della guerra di Resistenza.



Il 25 luglio 1943 in provincia di Vercelli: dossier con saggi, articoli, immagini, documenti relativi alla ripercussioni che ebbe in provincia di Vercelli l'annuncio della fine della dittatura fascista, avvenuta in seguito al voto della maggioranza dei membri del Gran Consiglio del fascismo, che comportò la destituzione di Mussolini da Capo del governo e primo ministro e il suo successivo arresto.



L'8 settembre 1943 in provincia di Vercelli: dossier con saggi, testimonianze, documenti relativi alla ripercussioni che ebbe in provincia di Vercelli l'annuncio dell'armistizio, un atto di resa incondizionata con cui l'Italia usciva dall'alleanza con la Germania di Hitler, che generò nell'opinione pubblica e in buona parte dell'esercito l'illusione che la guerra fosse finita.



Il 22 dicembre 1943: dossier con saggi, articoli, documenti, materiali vari relativi alla recrudescenza di violenze successiva all'8 settembre che, nel nostro territorio, ebbero il primo picco fra il 21 e il 23 dicembre del 1943. Fu in quei giorni che le bande resistenziali costituitesi nelle vallate biellesi e in Valsesia, ormai mature per passare all'azione, si scontrarono con l'occupante tedesco e il 63o battaglione "Tagliamento".



L'occupazione nazifascista della provincia di Vercelli e la Resistenza: cenni storici sulla Rsi e sulle sue forze armate; le stragi nazifasciste e la loro memoria; breve storia della Resistenza; le formazioni partigiane; i decorati al valor militare; l'insurrezione; memorie della Resistenza; biografie di protagonisti della Resistenza; biografie e lettere di condannati a morte della Resistenza; bibliografia essenziale della Resistenza.



Partigianato piemontese e società civile. I resistenti del Biellese e del Vercellese: un ipertesto che presenta, con un saggio di Enrico Pagano, tabelle e grafici, una elaborazione dei dati sul mondo partigiano della I zona Cvl piemontese.



"In principio erano pochi poi son diventati tanti": un'antologia di testi sulla Resistenza nella zona del Monte Briasco.




Immagini della Resistenza biellese di Carlo Buratti: selezione di una eccezionale serie di diapositive a colori (caso praticamente unico nella fotografia resistenziale italiana).




Una patria di ribelli. Varallesi nella Resistenza
Ampia selezione dei pannelli della mostra "Una patria di ribelli", nata per ricordare i resistenti varallesi e i momenti più significativi della guerra di liberazione con alcune fotografie tratte dagli archivi dell'Anpi di Varallo e dell'Istituto.



Il cuore d'improvviso ci apparve in mezzo al petto: liriche e canzoni sulla Resistenza selezionate da Enrico Pagano. Testi di Paul Eluard, Franco Fortini, Paolo Volponi, Cesare Pavese, Vasco Pratolini, Alfonso Gatto, Natalia Ginzburg e altri si alternano alle canzoni Dalle belle città, di Emilio Casalini, Oltre il ponte, di Italo Calvino, Stelutis Alpinis, di Francesco De Gregori, Pietà l'è morta, di Nuto Revelli.



Storia disegnata
Alcune serie di disegni realizzati durante la Resistenza in Valsesia (cartoline di Arnaldo Musati e di Gio. Rossi (Alfredo Dominietto); bozzetti di francobolli; disegni di Alfredo Domenicone) e disegni ispirati a episodi storici realizzati in anni recenti da Tiziano Bozio Madè.



Francobolli della Resistenza: una selezione di francobolli della Repubblica sociale italiana con sovrastampe e di francobolli emessi da Comitati di liberazione nazionale



La deportazione dalla provincia di Vercelli: i Lager in cui furono deportati vercellesi, biellesi e valsesiani (con schede e immagini) e gli elenchi dei deportati.




"... il filo spinato ti lacera anche la mente...". Un ex internato militare vercellese racconta la sua esperienza. I disegni dal Lager di Renzo Roncarolo. Un ipertesto realizzato da studenti dell'Iti di Vercelli. Le immagini sono tratte dalle opere esposte nella mostra omonima.



Percorso in una soluzione totale: Auschwitz
"I singoli destini delle vittime di Auschwitz sono persi o rimangono in rari casi appesi alle immagini, agli oggetti ed ai ricordi dei sopravissuti. Questo vuole essere il significato di questo rinnovare la memoria, trasmetterla a chi non può conoscerla".
Così il fotografo Sergio Ferraris (residente a Roma ma di origine vercellese) presenta un rapido ma coinvolgente percorso immaginario di visita nel campo di sterminio nazista attraverso immagini in bianco e nero accompagnate da citazioni tratte da "Se questo è un uomo" di Primo Levi.



Immagini del Lager di Mauthausen. Fotografie realizzate da Fulvio Borro (Santhià). Selezione tratta dalla mostra omonima.




Il referendum del 2 giugno 1946 in provincia di Vercelli: i dati per ogni comune e un saggio di Enrico Pagano che li analizza e commenta.
Visualizza la rielaborazione sintetica in formato pdf



La proposta didattica di Alberto Lovatto Non c'è solo l'ora di storia per imparare la storia. Fare storia del Novecento insegnando lingua, musica, immagine, fu presentata nei corsi di aggiornamento "L'insegnamento della storia del Novecento nella scuola elementare".


L'antologia con proposte didattiche, intitolata "Siam partiti in tre...", a cura di Enrico Pagano, fu realizzata come materiale didattico allegato al videotape La Resistenza a Postua. I luoghi e la memoria.


La ricerca, intitolata "Quando io avevo la tua età c'era la guerra". Ricordando fascismo, guerra e Resistenza a Breia e Cellio, fu realizzata, a cura di Alberto Lovatto, con la scuola elementare di Cellio, nell'anno scolastico 1993-1994 (ed edita dall'Istituto con la collaborazione dei due comuni).


L'intervento di animazione storica e teatrale, intitolato Va in scena la memoria. La radio, la storia, l'ascolto, fu realizzato, a cura di Alberto Lovatto, come laboratorio per le scuole elementari, nell'ambito dei progetti della Regione Piemonte "Autonomia scolastica. Proposte per l’innovazione didattica" nel corso degli anni scolastici 1999-2000 e 2000-2001.



Altri materiali didattici