ARTURO CARLO QUINTAVALLE (a cura di)

Attilio Forgioli

Alagna. 14 luglio 1944

catalogo della mostra 2018, pp. 67, € 8,00




Tal fu l'ora tragica di quel 14 luglio 1944 quando corse sangue quasi sulla soglia della Chiesa d'Alagna. Un quadro comunica sensazioni a chi lo guarda, ti stende la mano e ti accompagna all'origine, invitandoti ad assaporare il senso del presente e del futuro. Forgioli ha, nell'innato tratto artistico, la capacità del ricordo e, nell'espressività delle opere, l'invito alla memoria.
16 ragazzi, eroi, hanno sacrificato il bene della vita ai più nobili ideali di libertà, giustizia e democrazia, ponendo le basi che ci consentono, oggi, di vivere in pace in un Paese libero e democratico. Ricordiamoci però che "la libertà non è mai una conquista definitiva, è un bene prezioso che bisogna difendere giorno per giorno"
.

Attilio Forgioli
Nasce a Salò nel 1933. Compie gli studi artistici presso l'Accademia di Brera a Milano, dove ha come insegnanti Funi e Reggiani e frequenta Olivieri, Pardi, Morlotti, Chighine, Marzulli, Romagnoni, Savinio, Guccione, Raciti, Plescan, Sarnari, Calabria. Durante gli anni ottanta conosce Pino Mongello e Flaminio Gualdoni con i quali avvia l'attività della Civica Raccolta del Disegno di Salò. Nel 1978 partecipa alla Biennale di Venezia e alla Biennale di S. Paolo in Brasile e nel 1986 alla Quadriennale di Roma. Durante gli anni novanta viene presentato in due personali nelle Marche e a Treviso, organizzate rispettivamente dai critici Elena Pontiggia e Marco Goldin.
Tra le sue mostre più importanti si ricordano l'antologica presentata da Flaminio Gualdoni al Museo della Permanente di Milano (2003), la personale alla Galleria Guastalla di Milano (2006) presentata dal critico Claudio Cerritelli, e la mostra antologica di pastelli presentata da Sandro Parmiggiani a Palazzo Magnani a Reggio Emilia (2006). Nel 2007 si svolge un'importante personale presso il Grande Miglio in Castello a Brescia e un'altra alla Galleria Rafanelli di Genova. Nel 2008 Forgioli espone alla Casa del Mantegna a Mantova e nuovamente al Museo della Permanente di Milano con un omaggio in ricordo dell'amico pittore Lino Marzulli.
Ha esposto in Italia, in Francia, in Inghilterra, negli Stati Uniti, in Svizzera, in Belgio, in Germania. Nella primavera del 2011 il CSAC "Centro Studi e Archivio della Comunicazione" dell'Università degli Studi di Parma, allestisce, presso il salone delle Scuderie di Palazzo Pilotta, un'importante mostra antologica a cura di Carlo Arturo Quintavalle (catalogo Electa), con 150 delle opere donate all'archivio. Sempre nel 2011, espone al Padiglione Italia della Biennale di Venezia, presentato dal poeta Franco Loi. Attilio Forgioli alterna il suo lavoro di pittore tra gli studi di Milano e quello di Alagna, in Valsesia.