Gustavo Buratti Zanchi (1932-2009)
Vicepresidente dell’Istituto (1977-1982); consigliere (1983-1988); poi consigliere scientifico fino al 2009.
Già insegnante, pubblicista.
Dirigente regionale del Psi (1975-1984), poi militante dei Verdi. Consigliere comunale di Biella (1956-1994); assessore della Comunità montana Bassa Valle Cervo (1970-1993); rappresentante del gruppo dei Verdi nella Commissione per la revisione dello Statuto della Regione Piemonte (1997-1998); consigliere nazionale della Federazione dei Verdi (dal 2000).
Segretario per l’Italia dell’Associazione internazionale per la difesa delle lingue e delle culture minacciate (dal 1964); coordinatore del Centro studi dolciniani (dal 1974). Socio fondatore del Consiglio federativo della Resistenza biellese.
Direttore di "Alp" (dal 1974); collabora a "l’impegno", "Bollettino del Centro studi Piemontesi", "Rivista Biellese", "Riforma della scuola", "L’Alpe" (Grenoble).
Autore di varie opere, tra cui: Diritto pubblico nel Cantone dei Grigioni, Milano-Varese, Ed. Cisalpino-Goliardica, 1957; La situazione giuridica delle minoranze linguistiche in Italia, in I diritti delle minoranze etnico-linguistiche, Atti dell’VIII Convegno di studi della Ligue internationale di l’Enseignement, de l’Education et de la culture populaire, sezione italiana, Milano, Cisalpino-Goliardica, 1974; In difesa degli altri, in U. Bernardi, Le mille culture, Comunità locali e partecipazione politica, Roma, Coines, 1976; Decolonizzare le Alpi, in Prospettive dell’arco alpino, Milano, Jaca Book, 1981; Carlo Antonio Gastaldi. Un operaio biellese brigante dei Borboni, Milano, Jaka book, 1989; Federalismo e autonomie. Comunità e bioregioni, Torino, Regione Piemonte, 1997; Fra Dolcino e gli Apostolici tra eresia, rivolta e roghi (curato con Corrado Mornese), Roma, DeriveApprodi, 2000; L'anarchia cristiana di Fra Dolcino e Margherita, Pollone, Leone & Griffa, 2002; Eretici dimenticati. Dal Medioevo alla modernità (curato con Corrado Mornese), Roma, DeriveApprodi, 2004; Banditi e ribelli dimenticati. Storie di irriducibili al futuro che viene (curato con Corrado Mornese), Milano, Lampi di stampa, 2006.
Autore di numerosi articoli di storia contemporanea e su problemi linguistici delle minoranze, poeta dialettale piemontese (sue opere sono edite in varie antologie).